3. PROPOSTE: L'ENTITÀ DEL TRATTURO

3.6 TRATTURO FOTOVOLTAICO



Si tratta di una proposta utopistica, ma che può rendere una idea della grendezza e delle potenzialità del tratturo. I comuni della sesta provincia potrebbero cominciare ad elaborare dei piani per sviluppare delle politiche comuni di valorizzazione ed uso intelligente delle risorse del territorio e di risparmio energetico, oltre a quello sullo smaltimento dei rifiuti.

 

L’uso energetico del territorio da un lato ed il risparmio dell’energia dall’altro servirebbe a ristabilire una nuova strategia d’intervento per le politiche ambientali (globali) ed  in materia di sostenibilitá del territorio (locali). Andria è per esempio anche una delle Città invisibili di Italo Calvino. E’ quella “che ogni sua via segue l’orbita di un pianeta e gli edifici e i luoghi della vita in comune ripetono l’ordine delle costellazioni e la posizione degli astri più luminosi… Cosicché i cittadini, convinti che ogni innovazione nella città influisca sul disegno del cielo, prima d’ogni decisione calcolano i rischi e i vantaggi per loro e per l’insieme della città e dei mondi”.

 

Calvino insegna a ripensare gli spazie ed i luoghi comuni, reinventandoli totalmente. Utilizzare il suolo demaniale del tratturo come parco lineale extraurbano, o usarlo come mega impianto di fotovoltaico o di eolico, mettendo a disposizione degli abitanti della regione i benefici energetici potrebbe essere una grande risorsa per tutta la regione, guardando sia all’ambito locale che alla dinamica globale, proprio come gli stessi abitanti dell’Andria di Calvino.

 

 

(*)Calcoli eseguiti dall’Associazione A_tratti secondo produzione di energia per la resa dei pannelli di produzione  1W/mq  e radiazione solare mínima della regione BAT di 2.200 h/anno.Estensione Puglia 19.358 kmq (6,42% della estensione totale dell’Italia 301.263 kmq) Produzione della centrale termoelettrica di Brindisi è di 640, Mw x 24 h x 365 gg =5.606.400,00 Mwh = 5.606,4 Gwh > Con la superficie di fotovoltaico di tratturo visibile